da BOLOGNA a RIMINI 28/04/2012

dal 28 aprile al 1 maggio 2012

L’escursione di 4 giorni che ci accingiamo ad affrontare si snoda fra San Lazzaro e Rimini attraverso un dedalo di strade secondarie e sterrati in un susseguirsi di salite e discese impegnative, ammirando i calanchi e i gessi romagnoli, i crinali del forlivese, le mulattiere del cesenate per poi arrivare al fiume Marecchia, da dove una bella pista ciclabile in leggera discesa ci porterà alla Stazione ferroviaria di Rimini.   Durante il percorso incontreremo  i borghi di Dozza, Casalfiumanese, Borgo Rivola, Zattaglia, Marradi, Tredozio, Rocca San Casciano, Santa Sofia, Ranchio, Sarsina, Perticara, Nuova Feltria, Rimini, presso i quali sosteremo  per una breve visita.

1° TAPPA) – Sabato 28 Aprile = San Lazzaro di Savena (BO) > Gamberaldi (fraz. Marradi); 95 km. circa; 1900 mt dislivello; pernottamento in Agriturismo con trattamento di mezza pensione.

2° TAPPA) – Domenica  29 Aprile = Gambaradi > S. Agata in Montalto (fraz. Premilcuore); 68 km. circa; 1700 mt dislivello; pernottamento in Agriturismo con trattamento di mezza pensione.

3° TAPPA) – Lunedì  30 Aprile = S. Agata in Montalto> Spinello (fraz. S. Sofia); 65 km. circa; 1000 mt dislivello; pernottamento in Ostello  e cena in ristorante del luogo.

4° TAPPA) – Martedì  1 Maggio = Spinello> Rimini; 99 km. circa; 1200 mt dislivello;

Le Tappe ove pernottare possono variare  di luogo a secondo della disponibilità degli alberghi o agriturismi e del numero dei partecipanti.

Le cene sono a menu fisso con specialità del luogo; PRANZI AL SACCO.  Il costo definitivo del viaggio verrà indicato prossimamente (presumibilmente sui 180/200 euro )

IMPORTANTE: Considerato che lungo il percorso i luoghi di pernottamento sono scarsi, è NECESSARIO comunicare IL VS INTERESSE A PARTECIPARE ENTRO LA DATA DEL 10 APRILE p.v.

***C’è la possibilità di frazionare il giro e di  raggiungere il gruppo in tappe successive (per la 2^ tappa c’è la possibilità di arrivare a Popolano con il treno da Faenza per le ore  9 circa); per chi invece volesse lasciare l’escursione in tappe successive, si può raggiungere le FS di  Forlì o Cesena in MTB distanti circa una quarantina di km. in leggera discesa o pianura.

DifficoltàMC/MC ( vedi schema qui sotto riportato); Percorso  senza particolari difficoltà tecniche ma con dislivelli notevoli  adatto solo  a ciclisti con buon allenamento;  Bici consigliata: percorso per MTB

Costo gita  €  2,00  SOCI   CAI;  €  13,00 NON SOCI CAI(+ spese vive su indicate gestite dall’accompagnatore in cassa comune)

Per partecipare occorre segnalare il proprio interesse all’accompagnatore e VERSARE UNA CAPARRA CONFIRMATORIA  DI € 40,00

Info: Giuliana Monti (cell. 349 2202697 e-mail: mongiuli@gmail.com)

RIUNIONE PER I PARTECIPANTI -LUNEDI’ 23 APRILE – ORE 21.00 – SEDE CAI

* E’ fatto obbligo a tutti i partecipanti di indossare il casco, portare camere d’aria di  scorta,  kit di riparazione ed attrezzatura per piccoli guasti alla propria bici * Il percorso potrebbe subire variazioni ad insindacabile giudizio dei direttori di gita * Portare lucchetto per bicicletta * L’accettazione dei partecipanti è ad insindacabile giudizio dei direttori di gita.

Scala difficoltà dei percorsi MTB  in conformità alle indicazioni del C.A.I.  (commissione  nazionale)

La difficoltà viene espressa con una sigla per la salita e una per la discesa, separate da una barra (/). Alle sigle può essere aggiunto il segno +, se sono presenti tratti significativi con pendenze sostenute.  (Per “sconnesso” si intende  un fondo non compatto e cosparso di detriti; si considera “irregolare” un terreno non scorrevole segnato da solchi, gradini e/o avvallamenti)

TC (turistico) percorso su strade sterrate dal fondo compatto e scorrevole, di tipo carrozzabile;
MC ( media capacità tecnica) percorso su sterrate con fondo poco sconnesso o poco irregolare (tratturi, carrarecce…) o su sentieri con fondo compatto e scorrevole;
BC ( buone capacità tecniche) percorso su sterrate molto sconnesse o su mulattiere e sentieri dal fondo piuttosto sconnesso ma abbastanza scorrevole oppure compatto ma irregolare, con qualche ostacolo naturale (per es. gradini di roccia o radici);
OC (ottime capacità tecniche) come sopra ma su sentieri dal fondo molto sconnesso e/o molto irregolare, con presenza significativa di ostacoli.

Per il regolamento gite si deve intendere quanto indicato nelle normative pubblicate sul sito www.ciclocai.bo