MONTE BONZARA E SAN CHIERLO – 12/05/2013

Escursione sui crinali tra Reno e Lavino, attraverso vigneti, calanchi, piccoli borghi e antiche chiese, con arrivo alla TRATTORIA MATAROZZI (via Lavino, 312 – Monte San Giovanni – BO, dove è prevista la pausa pranzo per allietare corpo e spirito delle nostre fatiche ….

 Ritrovo alle ore 8.30 al parcheggio presso la Rotonda Biagi, Casalecchio di Reno

Si sale la collina dell’eremo di Tizzano lungo la strada bianca della tenuta Marescalchi – Visconti di Modrone, poi sul crinale in direzione Monte Capra – Mongardino.   Si scende nella valle dell’Olivetta, in prossimità del bivio per Calderino e si risale lungo il crinale di via Scopeto, fino alla pieve abbandonata di San Pietro. Si arriva poi a Rasiglio (chiesa di Sant’Andrea) e si percorre il crinale verso il Monte Bonzara (alcuni strappi abbastanza ripidi). Raggiunta la strada bianca di San Chierlo si discende nella valle del Lavino,  dove ci aspetta la sosta pranzo in trattoria. (PRANZO AL SACCO per chi non vuole aderire).    Nel pomeriggio rientro libero a Casalecchio lungo la fondovalle del Lavino o la parallela ciclabile, dove presente.

 Difficoltà:  TC/MC ( vedi schema qui sotto riportato);  Lunghezza totale: circa 50  km; Dislivello: 900 mt circa; Percorso su strade secondarie asfaltate (80%), con tratti di strada bianca (20 %), adatto per mountain bike o city bike con copertoni adeguati per strade non asfaltate.

 Costo gita    2,00  SOCI   CAI        7,50  NON SOCI CAI

Costo pranzo € 20,00  (pasta fatta in casa, affettati e crescentine, acqua, vino e caffè)

(amici e parenti pigri dei ciclisti possono raggiungerci in trattoria per il pranzo verso le 13.30)

Per partecipare alla gita occorre prenotarsi presso l’accompagnatore ENTRO il 30 aprile 2013

Direttore di gita:  GIUSEPPE SIMONI  – (info Giuseppe  333-2091416 – g.simoni@fastwebmail.it)

* E’ fatto obbligo a tutti i partecipanti di indossare il casco,   portare camere d’aria di  scorta,  kit di riparazione ed attrezzatura per piccoli guasti alla propria bici *  Il percorso potrebbe subire variazioni ad insindacabile giudizio dei direttori di gita * Portare lucchetto per bicicletta * L’accettazione dei partecipanti è ad insindacabile giudizio dei direttori di gita.

Scala difficoltà dei percorsi MTB  in conformità alle indicazioni del C.A.I.  (commissione  nazionale)

La difficoltà viene espressa con una sigla per la salita e una per la discesa, separate da una barra (/).  Alle sigle può essere aggiunto il segno +, se sono presenti tratti significativi con pendenze sostenute.  (Per “sconnesso” si intende  un fondo non compatto e cosparso di detriti; si considera “irregolare” un terreno non scorrevole segnato da solchi, gradini e/o avvallamenti)

TC

(turistico) percorso su strade sterrate dal fondo compatto e scorrevole, di tipo carrozzabile;

MC

( media capacità tecnica) percorso su sterrate con fondo poco sconnesso o poco irregolare (tratturi, carrarecce…) o su sentieri con fondo compatto e scorrevole;

BC

( buone capacità tecniche) percorso su sterrate molto sconnesse o su mulattiere e sentieri dal fondo piuttosto sconnesso ma abbastanza scorrevole oppure compatto ma irregolare, con qualche ostacolo naturale (per es. gradini di roccia o radici);

OC

(ottime capacità tecniche) come sopra ma su sentieri dal fondo molto sconnesso e/o molto irregolare, con presenza significativa di ostacoli.


  Per il regolamento gite si deve intendere quanto indicato nelle normative pubblicate sul sito www.ciclocai.bo

2013 maggio 12- Cicloescursionismo BONZARA SAN CHIERLO